COURSES

Find the Italian course that suits you best

Roma scuola italiano per stranieri
Rome
Milano scuola italiano per stranieri
Milan
Firenze scuola italiano per stranieri
Florence
Bologna scuola italiano per stranieri
Bologna
Torino scuola italiano per stranieri
Turin
The Italiano in Tour Project by the Dante Alighieri Society
Italian on Tour

The Società Dante Alighieri Italian Schools

With an extensive educational programme, the Società Dante Alighieri Italian Schools provide Italian language and culture courses that meet the various needs of the wide range of foreign students they are intended for.
The Italian Schools are located in the historic centres of Rome, Florence, Bologna, Milan and Turin, five wonderful cities among the most popular destinations in the Bel Paese. Their location is central and strategic: easy to reach with public transport and close to the most important tourist attractions of artistic and cultural heritage.
Through coordination with Area Scuole the Italian Schools are a solid point of reference for learning Italian in Italy in compliance with the main European quality standards for learning foreign languages.
Area Scuole develops projects on a national level such as the Marco Polo and Turandot programmes, promotes partnerships with organisations, institutes, companies and embassies and supports didactic planning in schools. They also take part in organising Italiano in Tour, a travelling course for Schools.
The Italian Schools are PLIDA (Progetto di Lingua Italiana Dante Alighieri) certified centres, (https://www.dante.global/it/certificazioni/certificazione-plida) the official certificate of the Società Dante Alighieri that certifies competence of Italian as a foreign language.

Area Scuole
Piazza di Firenze, 27 - 00186 Rome

Area Scuole Manager:
Raffaella Fiorani
r.fiorani@dante.global

Contact information:
Telephone: 06 6873694/5
E-mail: scuoleditaliano@dante.global

Social:
https://www.instagram.com/scuoleditaliano
https://twitter.com/scuoleditali

The Marco Polo and Turandot Programmes for the 2022-2023 academic year

The Società Dante Alighieri with their Italian Schools for foreigners in Rome, Milan, Florence, Bologna and Turin, organises Italian language and culture courses especially for Chinese students participating in the “Marco Polo” and “Turandot” programmes.

Find out more
The Marco Polo and Turandot Programmes for the 2022-2023 academic year
Study visa Extra EU

Study visa Extra EU

Students from outside the European Union who wish to study in Italy must apply for a study visa at the Italian consulate in their country of residence.

Find out more

The Italian language levels

The courses in classroom of Società Dante Alighieri Italian Schools are based on six levels, aligned with the Common European Framework of Reference for languages (CEFR)

Our
method

We have always been committed to teaching Italian as a foreign language. Our method is based on a well-established teaching tradition that is constantly updated to provide students with effective and engaging learning paths, whatever the chosen mode of course delivery.

Find out more
metodo
Blog

Ogni giorno da tutto il mondo

Intercultura
La lingua italiana, primo passo per un’Italia inclusiva
11 aprile 2024
Rosa D'Aniello

La lingua italiana, primo passo per un’Italia inclusiva

Nel 2022 ha avuto inizio un progetto speciale, nato dalla collaborazione di tre soggetti: la Società Dante Alighieri (per la lingua e cultura italiane)*; Adecco (per l’inserimento lavorativo) e SIA Servizi (Sostegno per l'Inclusione Attiva), impegnati su fronti differenti, ma uniti da un comune intento, favorire l’inclusione linguistica, lavorativa e sociale di persone rifugiate, in condizioni di vulnerabilità, partendo dall’insegnamento della lingua italiana, fino ad arrivare al loro inserimento sociale e lavorativo. 

Leggi tutto

Libri
I libri della settimana: Durastanti, Solito, Fagiolo
https://app.hubspot.com/settings/avatar/7521bf299ebdaa164909a2c39b652438
05 aprile 2024
Valerio De Luca

I libri della settimana: Durastanti, Solito, Fagiolo

 La redazione della Dante consiglia una selezione tra narrativa e saggistica di autori italiani o testi originali in lingua italiana.Missitaliadi Claudia DurastantiLa nave di Teseo20 euro, 400 pagineAmalia Spada è un’avventuriera lontana dai tumulti che agitano la nazione che sta per nascere; una donna dallo spirito irrequieto e temerario. Vive in una casa tra i calanchi lucani diventata un rifugio per creature diseredate e ribelli in cerca di una nuova vita, per ragazze selvatiche e uomini dalla forza mozzata. Quando arriva l’industrializzazione, la Fabbrica piomba nelle loro vite come un oscuro oggetto del desiderio, mutandone per sempre il destino.Negli anni del dopoguerra e della corsa all’energia, una giovane antropologa di nome Ada esplora la Basilicata del sortilegio e del petrolio mentre scopre diverse incarnazioni dell’amore. Muovendosi tra centri di potere e impianti d’estrazione, Ada si ritrova invischiata in un Sud perturbante e magnetico che rivoluziona il corso della sua esistenza.Cento anni più tardi, la Lucania è diventata la base per la colonizzazione della Luna: da qui partono le navicelle dell’Agenzia Spaziale Mediterranea dirette al Mondo Nuovo. In questo insediamento avveniristico, si trova A, una donna solitaria e libera che ridà vita a oggetti non più desiderati per conto dell’Agenzia. Nel suo passato c’è stato un marito, ma anche il bisogno di andare lontano; nel suo presente, la voglia di conciliarsi con l’idea della fine.Claudia Durastanti è scrittrice e traduttrice dall’inglese. Il suo romanzo d’esordio Un giorno verrò a lanciare sassi alla tua finestra (2010, nuova edizione La nave di Teseo 2020) ha vinto il premio Mondello Giovani. Ha pubblicato A Chloe, per le ragioni sbagliate (2013), Cleopatra va in prigione (2016) e La straniera (La nave di Teseo 2019), finalista al premio Strega, tradotto in più di 25 paesi e tra i migliori libri del 2022 per il “New Yorker”. Ha una rubrica di musica su “Internazionale”. Cura i libri della Tartaruga.La promessa della madredi Carlos SolitoTreccani400 pagine, 60 euroIl volume racconta e illustra il viaggio dell’Acquedotto Pugliese e dei corsi d’acqua che esso raccoglie e costeggia: partendo dalle sue fabbriche naturali, le sorgenti del Sele, l’Acquedotto arriva fino a Caposele, passa per i monti d’Irpinia, attraversando nevai e inghiottitoi carsici. Il viaggio fotografico dell’autore Carlos Solito racconta il prezioso tesoro campano e più avanti lucano che raggiunge capillarmente ogni angolo della Puglia per mezzo di un’opera ingegneristica dal valore storico inestimabile. Costruita a partire dal 1906, la rete idrica dell’Acquedotto Pugliese si estende per ventimila chilometri, servendo più di quattro milioni di persone e percorrendo i luoghi più suggestivi della Campania, della Basilicata e della Puglia. Un viaggio che comincia dalle pance delle montagne, delle grotte, delle caverne e dei fiumi sotterranei (le vere e proprie fabbriche degli acquiferi carsici) e segue il suo corso attraversando le più iconiche e importanti bellezze naturali e artificiali: montagne, boschi, flora, mondi ipogei (voragini, fiumi e laghi), valli, campagne, centri abitati, sentieri, tratturi, manieri solitari, coste, antiche vie e tutto ciò che l’Acquedotto Pugliese contempla nella sua nobile e virtuosa estensione.Carlos Solito, scrittore, fotografo, giornalista e regista. Ha firmato la raccolta di racconti Il contrario del sole (Versante Sud, 2010) e Montagne (Elliot, 2012), insieme a Dacia Maraini, Paolo Rumiz, Maurizio Maggiani, Franco Arminio, Andrea Bocconi e altri. Ricordiamo i romanzi Sciamenesciá (Elliot, 2016) e La ballata dei sassi (Sperling & Kupfer, 2018).Visione di Dantedi Marcello FagioloQuattroemme34 euro, 204 pagineDante e Romadi Marcello FagioloGangemi34 euro, 264 pagineEntrambi i volumi verranno presentati a Palazzo Firenze (Roma) il 10 aprile in occasione della conferenza "Gli splendori della Roma dell’anno 1300, vista Dante".Il primo volume “Visione di Dante” è dedicato al padre della lingua italiana, ma non come letterato, bensì come propulsore d’immagini che hanno influenzato l’arte di tutti i tempi. Il libro, illustrato da 700 immagini, ha come sottotitolo “L’immaginazione della Commedia, l’ombra di Fiorenza e il paradiso di Roma-Amor”.Il secondo volume "Dante a Roma", a cura di Marcello Fagiolo, presenta gli Atti del Convegno promosso dal Centro di Studi sulla Cultura e l’Immagine di Roma e dall’Istituto Nazionale di Studi Romani (Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, 2-3 dicembre 2021) e ha come contenuto i legami storici e letterari del Sommo Poeta con la città di Roma. Nel volume sono presenti i saggi di Andrea Alessi, Carla Benocci, Rino Caputo, Franco Cardini, Monica Centanni, Marcello Fagiolo, Giulio Ferroni, Ilaria Fiumi Sermattei, Pietro Gibellini, Nicola Longo, Vito Rocco Panetta, Elisabetta Procida, Diego Quaglioni, Luca Ribichini, Serena Romano, Marcello Teodonio.Nella conferenza del 10 aprile Serena Romano partirà dal modo in cui le fonti, in particolare Ghiberti e Vasari, hanno costruito la narrazione dell’arte del Medioevo a Roma, e in particolare di quel ‘canto del cigno’ della città la cui committenza più alta – i papi, e la loro corte – era destinata a lasciare poco dopo Roma, con destinazione Avignone.Nell’ultimo decennio del Duecento, Roma era indubbiamente il luogo d’Italia a più intensa e competitiva produzione artistica. In nessun altro luogo si aprivano tanti cantieri nel giro di pochissimi anni, frutto delle ambizioni e dell’autorappresentazione di papi e grandi famiglie romane: nuove architetture che rimodellano e rinnovano gli edifici più antichi, nuovi mosaici, nuovi affreschi si succedono l’un l’altro a un ritmo mai visto. In pochi anni, un nuovo linguaggio visivo si forma, in stretto rapporto con quella che viene ormai considerata come una ‘Roma fuori le mura’, cioè la basilica di Assisi, alla città dei papi legata in un comune disegno politico, spirituale, e artistico.La conferenza offrirà qualche esempio di questo momento ricchissimo, che ebbe un testimone d’eccezione: Dante Alighieri, che nel settembre del 1301 era a Roma, ambasciatore di Firenze, e già l’anno successivo dalla sua città veniva esiliato e condannato a morte.  Marcello Fagiolo, già Professore in Storia dell'Architettura a Milano, Firenze e a Roma “La Sapienza”. Membro dell’Arcadia, Accademico dei Lincei e Accademico di San Luca. Ha fondato e diretto le due riviste di architettura "Psicon" e "QUASAR". Ha diretto varie collane editoriali. Autore di oltre 350 pubblicazioni, con particolare riferimento al Rinascimento, al Barocco e alla storia di Roma.

Leggi tutto

Contemporanea
Alla ricerca di un benessere digitale
02 aprile 2024
Rosa D'Aniello

Alla ricerca di un benessere digitale

Il benessere digitale è la capacità di gestire consapevolmente e con equilibrio l’utilizzo della tecnologia per migliorare la qualità della vita.

Leggi tutto

Newsletter

Keep
in touch

Courses, events, news, readings, schools and much more. With our newsletter, you can stay up-to-date on all the activities and projects of our Network.

newsletter