La più importante testimonianza che resta a Imola dei tempi di Dante è la Rocca Sforzesca, risalente al XIII secolo, è la tipica costruzione fortificata con il mastio e le segrete. Nel secolo successivo (1472-1484) furono apposte delle modifiche ordinate dalla corte milanese degli Sforza, inseriti rivellini, torrioni e cannoniere con emblemi della signoria Riario-Sforza. La trasformazione proseguì col nuovo signore di Imola Girolamo Riario, nipote di papa Sisto IV, e sposo di Caterina Sforza. All’interno troviamo una collezione di ceramiche e armi.

Partner

  • Ministero-degli-affari-esteri.png
  • CLIQ.png
  • EUNIC.png
  • Avio.png
  • PdiPigna.png
  • Chiesi.png
  • Magnum.png
  • State-Street.png
  • Parchi-letterari.png
  • loescher.png
  • Rai-cultura.png
  • Rai-Italia.png