Su la marina dove 'l Po discende

Ravenna, la città dove Dante concluse la sua vita, è citata in svariati passaggi della Commedia, e in altri passaggi dell’opera dantesca. A Ravenna risalgono tra l'altro le origini della famiglia da Polenta, ghibellina, e il matrimonio di Francesca e Malatesta, amanti per antonomasia. Francesca richiama le sue origini:
Siede la terra dove nata fui
su la marina dove 'l Po discende
per aver pace co' seguaci sui.

(Inf., vv. 97-99)

Nel successivo canto XXVII (sempre Inf., vv. 36-38) Dante spiega a Guido da Montefeltro che:
Ravenna sta come stata è molt'anni:
l'aguglia da Polenta la si cova,
sì che Cervia ricuopre co' suoi vanni"

ricordando la signoria della famiglia da Polenta.

undefined
LEGGERE DI RAVENNA

Foscolo sulla tomba di Dante

Non fu ravennate, ma per descrivere una città così dantesca scegliamo Ugo Foscolo, tra i più celebri commentatori di Dante, perché nelle Ultime lettere di Jacopo Ortis porta il protagonista, alter ego dell'autore, a decidere togliersi la vita proprio sulla tomba del Poeta. Foscolo dedicò a Dante anche un celebre commentario, negli anni della vita inglese, ossia tra 1816 e 1827. Dante figura già nelle opere giovanili di poesia che testimoniano un vero e proprio culto per il poeta, rivisto in senso molto personale. L'ode A Dante del 1795 testimonia il primo slancio verso il Poeta, poi sviluppato con una critica rivolta a Dante visto come poeta religioso e culminata tra l'altro nella visione eroica dei Sepolcri dove Foscolo afferma: "E tu prima, Firenze, udivi il carme / che allegrò l'ira al ghibellin fuggiasco".

Scopri le bellezze
del territorio

Partner

  • Ministero-degli-affari-esteri.png
  • CLIQ.png
  • EUNIC.png
  • Avio.png
  • PdiPigna.png
  • Chiesi.png
  • Magnum.png
  • State-Street.png
  • Parchi-letterari.png
  • loescher.png
  • Rai-cultura.png
  • Rai-Italia.png